I periodi critici del runner: quali sono e come affrontarli

Il corridore ama la corsa e chi sceglie di correre lo fa per diversi motivi ma le motivazioni che inducono un runner ad iniziare a correre non sempre riescono a mantenere “viva” la voglia di continuare. La vita del runner è una vita all’insegna del benessere, il “viver sano”, quando si comincia a correre, è praticamente una conseguenza della corsa. Tuttavia anche il runner ha i suoi momenti critici che, talvolta, possono indurlo ad abbandonare questo nuovo stile di vita. E’ un peccato perché spesso con qualche piccola regola si può evitare di abbandonare e si possono superare le criticità. Vediamo quali sono i momenti più difficili della vita del runner e come affrontarli.

Il primo momento difficile nella vita del corridore si presenta all’inizio del suo percorso. L’inizio è sempre un momento critico e nonostante le forti motivazioni che ci hanno spinto ad iniziare i disturbi dei principianti spesso inducono a smettere. Per scongiurare questo “pericolo” si possono usare dei piccoli ma efficaci accorgimenti. Eccoli:

Seguire una tabella di allenamento. “Il fai da te” può essere molto deleterio nella corsa. La voglia di raggiungere dei risultati può spingerci a strafare e può provocarci dei danni più o meno gravi. Per far si che il nostro corpo e la nostra mente si adattino alla corsa l’allenamento deve essere graduale. In tal senso ci vengono in aiuto le tabelle di allenamento che, in base all’età, al fisico, alle condizioni generali, ci dicono che cosa fare. Un’interessante articolo da cui prendere spunto lo travate su runlovers.it

Scegliere la location adatta. Almeno per le prime uscite  è bene correre in terreni regolari e possibilmente in una location piacevole (in un parco ad esempio). In questo modo potremmo concentraci sulla respirazione e sul piacere del paesaggio e anche la fatica si farà sentire meno.

Correre con le cuffiette. Correre ascoltando la musica è un ottimo aiuto per stemperare lo stress e per fare passare il tempo più veloce. La musica in generale aiuta nella pratica delle discipline sportive. Attenzione al volume che deve consentire di sentire chiaramente clacson o richiami.

Monitorare il peso. Pesarsi con cadenze regolari (senza avere l’ossessione del peso) può aiutarci a perseguire il nostro obbiettivo. Vedere il nostro fisico che cambia in meglio ( il peso cala, il corpo è più tonico) di certo ci spronerà nel continuare.

Pensare positivo. Il pensiero positivo aiuta sempre quindi anche quando i primi dolori ci scoraggiano, cerchiamo di vederli come delle tappe che, superate, ci daranno delle belle soddisfazioni.

Usare l’abbigliamento adatto. Il giusto abbigliamento ci aiuta sotto diversi aspetti: mette a nostro agio il nostro corpo, aiuta il sudore ad evaporare, aiuta la nostra mente che, con il rito del vestirsi, si sentirà spronata, aiuta le nostre performance. Rende dunque la corsa più piacevole. È importante quindi utilizzare un abbigliamento tecnico per runner, online si trovano diversi rivenditori come ad esempio MagliaRunning.it

Seguendo questi piccoli consigli le motivazioni che ci hanno spinto ad iniziare resteranno in piedi anche durante il critico momento dell’inizio. Ma l’inizio non è l’unico momento difficile della vita del runner. Anche lo stallo e l’infortunio sono periodi che mettono a dura prova la volontà di continuare.

Per quel che concerne il primo un consiglio è quello, semplicemente, di evitarlo. Anche quando allenarsi all’aria aperta è improponibile (per cattive condizioni meteo ad esempio) si può ricorrere in via di emergenza al tapis roulant e all’allenamento al chiuso che eviterà al nostro corpo di “incriccarsi”. Più complicata la crisi dell’infortunio. Qui spesso subentra una sorta di depressione che davvero rischia di scoraggiare la nostra volontà di continuare. In tal senso oltre ad un buon programma di recupero possono venirci in aiuto libri e riviste specifiche sull’argomento che manterranno vivo il desiderio di continuare. E perché no? Anche un confronto con altri runner reduci dalla medesime esperienza può esserci di aiuto. Correre è una scelta e come tutte le scelte può essere messa in dubbio nei momenti difficili. Allora cerchiamo di aiutare le nostre motivazioni a mantenersi vive e correre sarà ancora più bello.

Un commento

  • Sto iniziando proprio in questi giorni il mio percorso per dedicarmi al running. Trovo l’articolo decisamente pertinente alla mia situazione. Mi ritrovi in quello che hai scritto. Decisamente.
    Iniziare a correre regala emozioni a volte indescrivibili: quella libertà di essere da solo in sintonia con il tuo corpo e con la tua fatica. Si, la fatica può essere piacevole!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *