Weekend a Pilsen, Capitale Europea della Cultura 2015

Pilsen è stata nominata “capitale europea della cultura 2015”. Si tratta di una piacevole città
boema a sudovest di Praga che ha organizzato, nel corso dell’anno, più di 600 eventi e 50 grandi
spettacoli che coinvolgono tutta la città, dalle strade alle gallerie, dai teatri alle piazze, dai
musei alle chiese nonché in edifici storici e tanti altri luoghi di notevole interesse turistico.
Durante tutto l’anno è possibile assistere in città a mostre, concerti rock e jazz, circo,
degustazioni, dibatti pubblici, oltre che godere delle bellezze artistiche, architettoniche e
paesaggistiche che offre lo stupendo centro storico.

Emblemo_Plzeň_2015,_1.svg
Pilsen è universalmente riconosciute come la casa della birra leggera, in particolare della Pilsner
Urquell, dorata e inconfondibile, dall’aroma intenso di luppolo. Un simbolo della citta boema,
icona della birra nel mondo.
E’ proprio l’unione del luppolo di Zatec, una città a nordovest di Praga, con l’acqua morbida di
Pilsen che ha contribuito allo straordinario successo della birra, chiara e dissetante. Si può
visitare tutt’oggi il birrificio di Pilsner Urquell, che ospita anche un’esposizione delle materie
prime utilizzate, della sala di cottura antica e recente e del reparto imbottigliamento.
Della città ceca si conoscono soprattutto le automobili Skoda e la birra. Ma poco altro si
conosce. Anche se il suo centro storico è un vero e proprio gioiello artistico da scoprire per gli
amanti della storia e dell’architettura.
Si può girare tranquillamente a piedi per il centro tra tesori unici, come la celebre chiesa gotica
di San Bartolomeo, che custodisce la Madonna di Pilsen, una scultura del Trecento. Pregiate
vetrate contornano l’edificio e l’altare in stile liberty con la cappella di Sternberk e il campanile
la rendono un vero gioiello architettonico. Quest’ultimo svetta a ben 100 metri di altezza.
Anche la piazza che ospita la chiesa, Namesti Republiky è veramente molto molto bella. Si trova
nel cuore del centro storico dove abbondano palazzi in pieno stile rinascimentale, come il
celebre museo delle marionette Loutek oppure il Municipio del Cinquecento, o la Colonna della
peste realizzata nel 1681.
Degna di nota anche la grande sinagoga, il terzo tempio ebraico più imponente al mondo dopo
quelli di Gerusalemme e Budapest. E’ stato costruito nel lontano 1892 in stile neorinascimentale.
Ma dell’aspetto più curioso ed interessante di Pilsen non ve ne ho ancora parlato: la parte
sotterranea. Nel Medioevo venivano qui ospitati laboratori artigianali quali distillerie e malterie
nonché conservati gli alimenti stessi. Se vi recate al civico 6 di Veleslavinova troverete l’ingresso
che conduce a cunicoli sotterranei e lunghi passaggi nella roccia.
E’ possibile visitare questi tunnel “scortati” da una guida, che alla fine del tour regalerà una
moneta ai partecipanti maggiorenni consentendo l’assaggio di una birra Pilsner master in
numerosi locali.
Se girate per la città in questi giorni potrete anche imbattervi in iniziative e manifestazioni
dedite al “Pilsen 2015” quali il Manège Carré Sénart, una preziosa giostra dotata di giganti
marionette, opera dell’artista francese Francois Delarozièere. E’ ospitata nella piazza centrale
di Pilsen e serve a rendere omaggio alla lunga tradizione boema delle marionette.
Anche chi ama le manifestazione circensi troverà molti quartieri colorati con compagnie che si
esibiscono praticamente tutto l’anno e provengono da ogni parte del mondo. Tra i nomi più
pregiati troviamo gli acrobati di Famous Burattini Family, l’italiano Magdaclan, gli artisti francesi
del Cirque Trottola, così come la compagnia canadese Cirque Alfonse che accompagna le proprie
esibizioni anche con musica dal vivo, un vero spettacolo da ammirare.
Nel mese di maggio, poi, in concomitanza con le celebrazione per la liberazione della
cittadina da parte delle truppe americane, viene organizzata una parata della fine della seconda
guerra mondiale. Le strade e le piazze poi si animano di spettacoli di danza, fuochi d’artificio in
stile barocco , concerti e teatro.
Uno spirito artistico in fervore che contagia anche gli edifici industriali, con l’ex centrale
elettrica che ospita la mostra del design contemporaneo europeo, l’ex cartiera e altri depositi in
disuso delle aziende che vengono ristrutturati e convertiti in luoghi atti ad ospitare attività
culturali, come il nuovo teatro che ospiterà il Festival internazionale ed altri eventi culturali.
Per far conoscere i suoi cittadini più famosi Pilsen ha organizzato anche delle mostre, come ad
esempio quella dedicata a Jiri Trnka, famoso artista e regista d’animazione. Ma anche la
preziosa collezione di ritratti Maori di Bohumir Lindauer, un pittore nato a Pilsen nella seconda
metà del XIX secolo.
Il fondatore del design grafico mondiale, nato a Pilsen nel 1939, Ladislay Sutnar, e poi emigrato
negli Stati Uniti. Per conoscere ancora più nello specifico il programma degli eventi dal mese di
maggio per tutta l’estate potete visitare il sito internet www.plzen2015.cz/en

Un commento

  • Sicuramente un luogo da visitare per quanto riguarda la cultura contemporanea, per quanto riguarda la cultura del passato l’Italia è comunque il paese da visitare per gli amanti dell’antichità, dove si possano ammirare città eterne come Firenze, Roma, Venezia e molte altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *