Formentera: caratteristiche

Voglia di vacanze? Scegliete l’Isola che vi darà  contemporaneamente relax e divertimento! Sembra impossibile eppure Formentera vi stupirà regalandovi secondo le vostre esigenze sia la tranquillità dei suoi siti naturali che l’animazione della sua movida.

Formentera è una delle 4 isole principali delle Baleari; è l’isola più a Sud e anche la più piccola delle 4. Ci si può arrivare solo via mare, con i traghetti, visto che l’aeroporto più vicino si trova a Ibiza. L’isola si presenta allo sguardo con le sue bellissime coste frastagliate; le calette di sabbia sono come dei piccoli diamanti incastonati nelle rocce.
Si può andare a Formentera tutto l’anno, visto il clima molto temperato, anche se certamente, a meno di essere molto coraggioso, il bagno è più piacevole da maggio a ottobre, ma ovviamente in questi mesi ci saranno anche più turisti, soprattutto a luglio e agosto.

La bellezza naturale  dell’isola è indiscutibile, a tal punto che l’Unesco l’ha dichiarata patrimonio dell’umanità.

L’Isola di Formentera non ha tra le sue attrattive molti monumenti storici da vedere, comunque il suo passato è importante perché le prime tracce di vita preistorica sono state ritrovate proprio qui:  si può visitare i SEPOLCRI MEGALITICI di Ca Na Costa e di Cap de Barberia che risalirebbero a circa 2000 anni av.C. Un ‘altro sito da vedere è quello di CAN BLAI con i suoi ruderi del castello romano nelle prossimità di Es Calò.
Da visitare anche il MUSEO  ETNOLOGICO dove si possono scoprire gli antichi utensili e vari strumenti musicali folcloristici.

Formentera ha solo 5 centri abitati: SANT FRANCESC XAVIER è il più grande; c’è l’unico municipio dell’isola, una graziosa piazzetta intorno alla chiesa del secolo XVIII ;qui ci sono anche molti negozi ( non aspettatevi però grandi negozi di lusso) e mercatini.
LA SAVINA è il porto di Formentera e qui arrivano tutti i traghetti. Lo stretto di Es Freus lo separa da Ibiza.
Dalla parte opposta dell’isola troviamo EL PILAR DE LA MOLA;  sul punto più alto, su di una scogliera, c’è il faro di La Mola che è uno dei tre fari dell’isola e anche il più antico.
Gli altri centri abitati sono SANT FERRAN DE SES ROQUES et ES PUJOLS.
Proprio a Es Pujols c’è la più grande concentrazione di locali e bar sulla spiaggia.
LE SPIAGGE sono l’attrattiva principale di Formentera: la spiaggia di Llevant, Ses Illetes, Platja de Tramuntana, Platja de Migjorn, Cala Savina, Cala en Baster, Es Pujols, Cala Saona e Es Arenals.
Dalla spiaggia di Cala Saona, sulla parte occidentale, si può vedere Ibiza e arrivare alla splendida scogliera di Punta Rasa.
La spiaggia di Ses Illetes (che significa delle piccole isole) si trova sulla fascia occidentale della penisola di Trucador.

Playa_Illetes

Foto CC-BY-SA 3.0 di Zavijavah

Si tratta di una spiaggia che si restringe fino a diventare una piccola striscia di sabbia con il mare dai due lati; da qui si può arrivare in barca fino all’Isola di Espalmador che è un parco naturale dove molte specie animali hanno trovato il loro habitat, anche perché  non ci sono strutture di nessun tipo a disturbarle.
La spiaggia di Llevant si trova sulla parte opposta a quella di Ses Illetes.

Platja_de_LLevant

Foto CC-BY-SA 3.0 di Zavijavah

La spiaggia di Migjorn è la più lunga con i suoi 6km.
Su tutte le spiagge di Formentera è concesso il naturismo. Forse proprio il fatto che la legislazione sia permissiva in questo senso  (ricordiamo che le Baleari sono una provincia autonoma della Spagna) ha fatto sì che dagli anni 60 arrivassero qui molti giovani del movimento hippie. La libertà, il paesaggio che non era deturpato dall’ uomo, la possibilità di vivere con poco hanno attirato tutti quelli che rifiutavano il modo di vivere convenzionale; le attività artistiche e artigianali divennero importanti sull’isola: ancora oggi i MERCATINI HIPPIES sono una caratteristica di Formentera: si possono comprare vestiti, bigiotteria e ceramiche, tutti rigorosamente dipinti a mano.
Si faceva musica per divertirsi ma era anche un modo di vivere che negli anni 70 era ancora molto seguito. Tanti artisti sono venuti qui, in vacanza, per esibirsi, ma anche per soggiorni più lunghi. Un nome tra tutti? Quello di Bob Dylan.
Oggi ci sono molti locali e discoteche che fanno ballare e divertire. La più grande concentrazione di questi locali dediti all’intrattenimento si trova a ES PUJOLS. Qui il divertimento non è solo notturno ma inizia già in spiaggia dove ci sono i CHIRINGUITOS che sono dei bar sulla spiaggia dove, in più dell’aperitivo che è quasi obbligatorio se si vuole essere “in”, si ascolta musica ballando.

Comunque, anche se c’è da divertirsi, non si arriva mai  alla trasgressione e all’esasperazione del divertimento a tutti i costi come a Ibiza. Qui è tutto molto più relax e piacevole.

Se durante la giornata non si ha voglia di stare sempre in spiaggia, si può prendere uno dei tanti sentieri per scoprire la bellezza naturale della zona interna. Ci sono vari percorsi predisposti per il trekking o per le passeggiate in bicicletta (queste possono tranquillamente essere affittate sul posto ). Una gita da fare certamente è quella alle saline: in passato l’estrazione e la conservazione del sale era importante per l’economia locale. Oggi, vicino alla spiaggia di Llevant, c’è la Riserva delle Saline che è un vero spettacolo, soprattutto al tramonto, per la colorazione rosa dovuta ai microrganismi presenti.
Comunque, per spostarsi sull’isola ci sono anche dei buoni collegamenti con i bus.
Per quanto riguarda gli sport acquatici, gli appassionati potranno fare delle  fantastiche immersioni subacquee godendo della  perfetta limpidezza delle acque. Molto praticati anche il windsurf e la vela.

Dunque ricapitolando, la giornata perfetta potrebbe svolgersi così: al mattino si fa una bella passeggiata a piedi o in bicicletta, poi si va in spiaggia a rilassarsi; il pomeriggio si sceglie tra una gita in barca, un’immersione per ammirare i fantastici fondali o il windsurf; poi si prende l’aperitivo in uno dei tanti Chiringuitos ascoltando buona musica; si prosegue facendo un giro nei mercatini e infine, dopo un’ottima cena al ristorante (il pesce è molto apprezzato, la specialità del posto è il Peix Sec, pesce essiccato al sole; i dolci tradizionali invece sono gli Orelletes e Bunyols) ci si immerge nella movimentata movida notturna.
Che ne dite, non è un bel programma per una splendida vacanza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *