Le spiagge di Ponza

Quando inizia ad arrivare il momento di pensare alle vacanze estive, iniziano a venire alla mente le mete più gettonate per le ferie e tra queste, com’è normale che sia data la bellezza del posto, c’è senza dubbio Ponza.

L’isola di Ponza è una delle più belle in Italia e proprio per questo motivo da sempre è meta di turisti desiderosi di una vacanza all’insegna del mare e del divertimento, anche perché si tratta di un’isola molto organizzata dal punto di vista ricettivo. Amministrativamente fa parte della provincia di Latina e conta circa 3 mila abitanti che vivono stabilmente sull’isola tutto l’anno. Ponza è la più grande delle isole dell’arcipelago delle Ponziane che comprende anche Palmarola, Gavi e Zannone, tre isole minori e molto vicine che si trovano nel Mar Tirreno.

PonzaFoto CC-BY di Tittimi

La storia dell’isola è molto antica, tanto che si pensa che sia abitata sin dal 1500 a.C., quando qui si stanziarono gli Ausoni. Naturalmente, l’isola, nota per le sue bellezze già in epoca molto remota, divenne ben presto territorio assoggettato a Roma e divenne lo scenario dell’isolamento di Agrippina e Livilla, le due sorelle accusate di aver congiurato contro Caligola. Dopo varie occupazioni, poi, l’isola divenne una colonia ischitana e poi campana, per poi passare alla provincia di Latina in tempi più recenti.

Prima di parlare di quelle che sono le spiagge di Ponza, è bene dare uno sguardo d’insieme all’isola, che presenta anche dei monumenti e delle architetture religiose di pregio e di rilievo. Inoltre, essendo stata colonia romana e avendo avuto un ruolo importante in quell’epoca, Ponza ospita anche dei reperti archeologici molto importanti. Da non perdere per chi arriva sull’isola, Palazzo Tagliamonte, che è uno dei più antichi di Ponza (1750), la chiesa di San Silverio e Santa Domitilla, nota anche come la Chiesa della Santissima Trinità data la rappresentazione presente sull’abside della stessa, e le piccole chiesette che si trovano su tutta l’isola.

Per quel che concerne, invece, i siti archeologici possiamo citare il tunnel per Chiaia di Luna che risale all’età di Augusto e che collega il porto dell’isola con la spiaggia di Chiaia di Luca. Si tratta di un tunnel scavato nel tufo, che è arrivato sino ai nostri giorni. Sul promontorio di Punta della Madonna, invece, sorge una villa romana di età repubblicana, utilizzata sino all’età imperiale, che è una testimonianza molto importante per capire l’architettura dell’epoca. Un’altra villa romana, invece, si trova in località Sant’Antonio che risale, invece, all’età imperiale. Infine, nel 1926 è stata scoperta in località Santa Maria, un’altra villa molto importante dato che ha alcuni dipinti ai muri e un favoloso pavimento a mosaico. Non mancano, poi, le necropoli: ce ne sono ben due (i Guarini e Bagno Vecchio) e sono entrambe ipogee.

Ma come detto, ora come ora, Ponza è conosciuta soprattutto per le sue bellezze paesaggistiche, per le aree naturali e per le spiagge da sogno. Vediamo, quindi, quali sono le più importanti e le più belle. Di certo il mare e le spiagge sono ciò che spinge un turista alla ricerca del relax più assoluto a venire in questo angolo di paradiso al centro del Mar Tirreno. Del resto, l’isola offre talmente tanto e presenta così tante sfaccettature tutte da scoprire che non si può non visitarla, almeno per un weekend all’insegna del sole e del mare.

Ponza offre, inoltre, la possibilità di un contatto con la natura a tutto tondo, dato che quasi tutte le spiagge più belle si trovano in posti ancora incontaminati. Quelle meritevoli di nota sono davvero tante, ma divideremo le spiagge di Ponza in due gruppi: a Nord dell’isola e a Sud dell’isola.

Nella parte settentrionale di Ponza si trovano Cala Felce e Cala Gaetano che, come si intuisce, sono due splendide insenature tra la costiera rocciosa. Nello specifico, Cala Felce si trova proprio nella punta più estrema del nord dell’isola ed è caratterizzata da un mare di colore blu intenso e da una spiaggia a tratti sabbiosa e a tratti ciottolosa, proprio come accade spesso nelle calette. Dalla spiaggia, inoltre, si può ammirare in tutta la sua bellezza l’isoletta di Gavi, immersi in un paesaggio che ha del paradisiaco. Ci sono, infatti, delle felci che rendono tutto molto caratteristico. C’è da sapere che la cala in questione è raggiungibile con un taxi barca che parte da Cala Fonte, altre spiaggia di una bellezza disarmante, ed è colpita in pieno dal sole dalle 10.30 alle 15. La citata Cala Fonte è nota per la sua acqua molto pulita ed è meta di tanti pescatori che passano lì le loro giornate. Altra spiaggia accessibile partendo da Cala Fonte è la Spiaggia delle Felci che, probabilmente, è la più nota di tutta l’isola. Anche qui si trova un mare cristallino e tutta la pace che si desidera avere. Sempre a nord dell’isola si trova, come detto, anche Cala Gaetano, che è accessibile tramite scalinata (300 gradini circa). Questo fa capire che si tratta di uno dei posti più incontaminati dell’isola e il mare cristallino completa un quadro eccezionale. Da qui si raggiunge, rigorosamente a nuoto, Punta dell’Ebreo.

A Sud dell’isola, invece, troviamo Chiaia di Luna, nota anche come Cala di Luna, che è una delle spiagge più affollate di Ponza, anche in considerazione del fatto che è abbastanza grande ed è accessibile facilmente via terra, grazie al sopraccitato tunnel che la collega con il porto. Qui si trova una sabbia finissima e molto pulita e un mare da favola. Lo stesso si può dire per Bagno Vecchio che è noto anche per la necropoli che si trova proprio nei pressi. Questa zona si raggiunge a piedi in maniera abbastanza agevole ed è colpita in pieno dal sole dalle 8 del mattino sino alle 15. Naturalmente, essendo un’isola, ci sono delle spiagge degne di nota a est e a ovest di Ponza. Qualche nome? La spiaggia del Frontone e Cala del Core per quel che riguarda il versante a est dell’isola e Chiaia dell’Acqua e Cala Feola a ovest.

Ponza_Cala_FeolaFoto CC-BY-SA di MrHope

Come si nota le spiagge sono davvero tante e Ponza è una meta imperdibile per coloro che amano il mare, la tranquillità e la storia. Inoltre, è ben collegata attraverso linee di traghetti con frequenza ricorrente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *