Trascorrere le vacanze alla scoperta del Salento

Oramai è quasi tempo di partire per le vacanze, le giornate si fanno più calde e siamo tutti in attesa di questi poche settimane che ci separano oramai dall’inizio dell’estate.

Chi non lo ha già fatto è bene che pensi alla sua prossima meta estiva, e magari tra i vari posti di villeggiatura, potrebbe decidere di passare le vacanze nel Salento, una zona della Puglia da diversi anni oramai molto gettonata dai turisti italiani e stranieri, che trovano nelle sue spiagge incontaminate e nel suo mare cristallino un luogo ideale dove trascorrere dei giorni di vacanza.

Dove si trova il Salento

Il Salento è una zona della Puglia meridionale che in pratica corrisponde al tacco dello stivale italiano, è circondata dal mar Ionio ad ovest dal mar Adriatico ad est. un tempo questa zona faceva parte della circoscrizione detta Terra d’Otranto.

Oggi comprende tutta la provincia di Lecce, quasi interamente la provincia di Brindisi e parte di quella di Taranto.

Qui in molte cittadine nel Salento centrale si parla un dialetto simile al greco, probabilmente da migrazioni medievali di popolazione proveniente dalla Grecia, dato che vi è una zona che veniva nel passato denominata “Grecia salentina” proprio per questo motivo.

Itinerari del Salento

Nelle sagre e nel folklore locale si possono quindi vedere segni della presenza storica del passato di ogni zona del Salento, e vivere delle vacanze nel Salento all’insegna degli itinerari culturali, storici artistici, o alla scoperta degli antichi resti archeologici come dolmen e menhir, antichi monumenti megalitici anche preistorici, disseminati in Salento e in particolare nel territorio leccese.

Queste costruzioni rimangono ancora oggi avvolte nel mistero, e se ne trovano in varie zone del mondo. Probabilmente si pensa potessero servire come altari, o fossero monumenti sepolcrali o simboli per propiziare la fecondità.

Per i turisti che desiderano invece passeggiare nella natura e fare trekking o andare alla scoperta dei fondali marini, vi sono presenti numerose aree protette come la zona dei laghi Alimini, un’area che copre circa 1000 ettari a nord di Otranto, dove si trovano due laghi, l’Alimini Grande e l’Alimini Piccolo sono il cuore dell’area.

Tra la spiaggia dei laghi Alimini e Otranto si trova la famosa Baia dei Turchi, dove secondo la tradizione nel 1480 sbarcarono e misero a ferro e fuoco Otranto.

La sua spiaggia è costituita da sabbia fine e bianca, con bellissime dune costiere naturali ricche di macchia mediterranea, gigli marini, ginestre e ginepri.

Un’ altra area naturale protetta marina, è l’area naturale di Porto Cesareo, istituita nel 1997, o quela di Torre Guaceto, una riserva naturale statale sulla costa adriatica nell’alto Salento, nei pressi di Carovigno e San Vito dei Normanni, vicino Brindisi.

Un’altra è la riserva del bosco di Cerano dove si trovano un gran numero di specie arboree, macchia mediterranea e leccete.

Chi ama gli sport velici o acquatici, potrà sbizzarrirsi sulla varietà di spiagge che presenta la costa del Salento, sia dalla parte adriatica che ionica.

In particolare per delle vacanze nel Salento nelle zone ventose adatte per fare windsurf, sono indicate le spiagge nella zona adriatica maggiormente ventose, come la spiaggia di Alimini che è lunghissima e attrezzata e facile da raggiungere, oppure Torre dell’Orso nei pressi di Otranto, la spiaggia di Frassanito.

Sul lato dello Ionio vi sono ugualmente delle spiagge adatte per praticare sport velici, come Lido Marini, Gallipoli e Porto Cesareo.

La prima è esclusivamente una zona da vivere per il mare e lo sport, la seconda è una cittadina con molta movida notturna e molto vivace.

Città e tradizioni da scoprire

Inoltre in Salento vi sono moltissimi paesini da visitare per le loro caratteristiche di paesini a picco sul mare, e cittadine come Otranto, con la sua antica fortezza e centro storico, da cui si può ammirare l’incontro tra i due mari, e ancora la zona di Torre Vado e Pescoluse, come le famose spiagge denominate le Maldive del Salento per la loro sabbia bianca e fine e il mare azzurro e limpido, che sono anche bene attrezzate per i turisti.

Non si può non visitare la capitale del Salento, Lecce, denominata la Firenze del sud per la ricchezza artistica dei suoi palazzi, chiese e monumenti in stile barocco.

Visitando Lecce e rimanendo nel centro storico si possono vedere l’Anfiteatro e il Teatro Romano, la Chiesa di Santa Croce e il Palazzo dei Celestini in tipico stile barocco leccese, il Duomo, la Chiesa di Sant’Irene, Porta Rudiae e Porta Napoli, tutte zone vicine e raggiungibili facilmente a piedi.

Un’altra meraviglia da vedere è il Castello di Carlo V.

In Salento si può anche assaporare la cucina del luogo, con tanti ancora itinerari enogastronomici alla scoperta delle prelibatezze della cucina salentina, a base di ingredienti semplici ma gustosi, come la ciceri e tria, della pasta fresca senza uovo, per una parte fritta in olio extravergine d’oliva e per un’altra parte lessata assieme ai ceci .

Le verdure dominano questa cucina, e si trovano in molte ricette, come ad esempio il tortino di melanzane, o faveneddhe e cicureddhe ovvero fave, in purea, e cicureddhe ovvero cicorie condite, a formare una minestra.

La fantasia si trova nei dolci che risentono dell’influenza del mondo orientale e si fanno con mandorle, miele e cannella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *