Sbiancare i denti con il bicarbonato

Il bicarbonato è un prodotto naturale che si può utilizzare per mille cose in casa, ma forse non tutti sanno che si possono anche sbiancare i denti con il bicarbonato, sia in ambito professionale che in ambito domestico.

Grazie al bicarbonato i denti appariranno senza macchie e più bianchi e brillanti.

sbiancare i denti con il bicarbonato

Sbiancamento denti professionale

Lo sbiancamento dei denti professionale avviene negli studi dentistici.

Di solito si utilizza perossido di idrogeno e perossido di carbammide, in varie concentrazioni a seconda della tecnica e delle diverse esigenze di ogni paziente.

Qui si usa anche sbiancare i denti con il bicarbonato, questo ingrediente del tutto naturale, con la tecnica del air-polishing, o air-flow, ovvero con uno spray composto di acqua, di aria e di bicarbonato di sodio.

Questo va applicato sul dente con una certa pressione e sfrutta l’azione abrasiva data dai cristalli di bicarbonato per ridare lucentezza ai denti.

Pro e Contro

Anche per questo metodo vi son pro e contro.

Innanzitutto questo metodo molto naturale evita di usare degli agenti chimici che con il tempo vanno a compromettere lo smalto dei denti, ed è meglio eseguirlo in uno studio di dentista perchè è più sicuro per il paziente, dato che il dentista conosce la giusta dose di bicarbonato e la giusta pressione da creare per sbiancare il dente.

Inoltre un dentista può valutare preventivamente la salute dei denti, e capire se si può usare un trattamento sbiancante o meno; infatti se ad esempio un paziente che vuole sbiancare i denti con il bicarbonato ha denti con cemento radicolare o con dentina esposti, l’effetto abrasivo del bicarbonato può peggiorare tale condizione e aumentare la sensibilità dentale.

Il contro è che questi trattamenti danno un risultato che però è limitato nel tempo, e quindi anche dal dentista ci si deve sottoporre periodicamente a un nuovo trattamento per continuare ad avere i denti bianchi e splendenti.

Sbiancare i denti in casa

Si possono sbiancare i denti in casa senza problemi, la cosa importante però è quella di usare il bicarbonato nelle giuste dosi e nelle corrette modalità, altrimenti a lungo andare la sua azione abrasiva può ridurre e rovinare lo smalto, con conseguenze anche sulla salute dei denti stessi.

Con il termine “baking soda” che si trova su molti dentifrici in commercio si indica il bicarbonato di sodio che si trova nei dentifrici sbiancanti in vendita anche nei supermercati, per sbiancare i enti e ritrovare un bel sorriso.

Come sbiancare i denti con bicarbonato

Per attuare uno sbiancamento dentale casalingo, vi sono alcuni metodi per imparare come sbiancare i denti con il bicarbonato in modo semplice e veloce.

Mettere in un cucchiaino del bicarbonato di sodio e spremerci sopra delle gocce di limone; poi raccogliere un po’ di questa pasta con il dito e sfregarla sui denti.

Oppure si può mettere in un bicchiere un cucchiaio di bicarbonato e aggiungervi poca acqua mescolando fino a creare una pasta liscia, da usare poi come normale dentifricio.

un altro metodo è quello di bagnare lo spazzolino da denti e coprire poi tutte le setole con del bicarbonato di sodio, e infine lavarsi i denti per circa due minuti.

E’ consigliabile però dopo l’uso sciacquare bene la bocca e evitare l’utilizzo prolungato di questo metodo e anche spazzolare i denti troppo forte.

L’ideale sarebbe usare il bicarbonato una volta a settimana, minimizzando i rischi di erosione dello smalto dei denti.

Controindicazioni del bicarbonato

Nonostante in bicarbonato sia un prodotto naturale, bisogna sempre utilizzarlo nelle giuste dosi e modalità, altrimenti si può andare incontro a controindicazioni del bicarbonato e rischi correlati.

Tra queste, si possono avere ustioni della mucosa orale se non viene diluito nelle giuste dosi, oltre al fatto che se la mucosa orale assorbe bicarbonato, questo non va bene per pazienti che soffrono di malattie come ipertensione, insufficienza renale, morbo di Cushing, alcalosi metabolica, mordo di Addison, se fanno una dieta iposodica o stanno assumendo diuretici o farmaci steroidei.

Inoltre se se ne fa un uso troppo frequente si può alterare il ph orale, e un rialzo eccessivo del ph orale come anche l’acidità del ph può disturbare la flora batterica presente nella bocca.

Se poi si effettua uno strofinamento eccessivo l’azione abrasiva del bicarbonato può rovinare non solo lo smalto, ma anche le gengive, provocando sanguinamento gengivale, un aumento della sensibilità dentinale e un sorriso meno estetico.

Quale bicarbonato di sodio scegliere?

Per sbiancare i denti con il bicarbonato, quale bicarbonato di sodio scegliere? in commercio vi sono molte aziende che producono bicarbonato di sodio, ma sostanzialmente il prodotto naturale all’interno è sempre lo stesso. Si tratta di un un sale di sodio dell’acido carbonico, sul mercato col nome di bicarbonato, e appartiene alla categoria degli additivi alimentari che sono stati codificati dall’Unione europea attraverso la sigla E 500.

Conclusione

In conclusione, possiamo dire che un ingrediente naturale come il bicarbonato si presta a mille utilizzi in cucina, per pulire, per il bucato, per la bellezza, per sbiancare i denti, basta solo ricordare di utilizzarlo nel modo giusto e con le dovute accortezze, senza esagerare, per avere un risultato assicurato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.