Guida alle tipologie di materasso e come scegliere quello più adatto

Come scegliere il materasso giusto? Quale tipologia si adatta meglio alle proprie esigenze? Alcuni consigli per dormire bene e tutelare la salute fisica e mentale.

Scegliere il materasso giusto per riposare bene

L’acquisto di un materasso è un passo importante per raggiungere il traguardo del riposo perfetto. Svegliarsi riposati significa stare bene fisicamente e mentalmente: proprio per questo è importante prestare la massima attenzione alla scelta del materasso, che sempre ha un ruolo da protagonista per quanto riguarda il sonno.

Dormire ovunque è possibile, ma risposare bene si può solo su materassi di qualità e che ben si adattano alle specifiche esigenze di ognuno di noi (percezione della temperatura, il livello di sudorazione, gli eventuali problemi alla schiena e le abitudini del sonno). Tanti sono i dubbi legati alla scelta di un buon prodotto e i tanti modelli presenti sul mercato di riferimento di certo non aiutano chi ancora non ha le idee ben chiare su cosa sta realmente cercando. Pressione del corpo e assorbimento del peso, resistenza dei punti di pressione e materiali di composizione sono tutti fattori da prendere seriamente in considerazione se si desidera addormentarsi stanchi e risvegliarsi freschi come delle rose.

Un materasso dagli elevati standard qualitativi è l’unico rimedio per eliminare del tutto quel senso di stanchezza che sembra non volerci più lasciare e limitare qualsiasi dolore a schiena, collo e arti. Ecco perché il comfort del materasso è legato direttamente alla fisiologia del sonno. Dormire bene è la migliore cura per sentirsi sempre energici e pronti ad affrontare la giornata nel miglior modo possibile e… senza dolori!

Le principali tipologie di materasso

Quale scegliere? Iniziamo con l’individuare quelli che sono i materassi più venduti:

  • materassi a molle: si dividono in due grandi categorie, quelli con molle tradizionali, consigliati per persone dalla robusta corporatura e completati da uno strato ammortizzante e isolante, e quelli con molle indipendenti che si adattano al peso del corpo per un supporto anatomico migliore.
  • Materassi in memory: stanno cavalcando l’onda del successo grazie alle loro buone caratteristiche di adattabilità alla forma del corpo. Ottimale è il sostegno per la colonna vertebrale, così come la generale sensazione di comfort che porta ad un controllato rilassamento dei muscoli di tutto il corpo. I modelli in memory sono molto apprezzati anche perché realizzati con più strati traspiranti e perché in grado di auto-modellarsi con l’azione termica del corpo.
  • Materassi in lattice: i migliori per far riposare bene la muscolatura e per agevolare la circolazione sanguigna. Riescono a mantenere il corpo in una posizione di rilassamento, sostenendo la colonna vertebrale nella sua linea corretta. La maggior parte dei modelli sono anche anallergici e con un’elevata ergonomia della struttura interna.
  • Materassi Waterlily: realizzati con materiali di ultima generazione e privi di qualsiasi sostanza nociva. Sono i più consigliai per chi soffre di allergie agli acari della polvere. Perfettamente traspiranti e in grado di distribuire ottimamente il peso del corpo.

Caratteristiche da valutare prima di scegliere un materasso

Mai scegliere un materasso in base al prezzo!

La qualità del risposo non ha prezzo!

Ci sono delle regole ben precise da seguire per essere sicuri di acquistare un prodotto di ottima qualità e in grado di coccolarci dolcemente. Prima di ogni altra cosa, il consiglio fondamentale è quello di recarsi in uno dei punti vendita più vicini (ad esempio, se siete a Roma e provincia presso “Lo Show Room del Materasso” si possono trovare tante novità) e provarli di persona. Non esiste modo migliore per valutare un materasso e toccarne con mano (a dire il vero con ogni parte del corpo) la qualità.

Dopo aver trascorso almeno 10 minuti beatamente sdraiati sul materasso è possibile concentrarsi su altri fattori:

  • Certificazione di qualità dei materiali utilizzati. Controllare le etichette (esempio, Materasso 100% lattice) è importante per capire se il lattice o qualsiasi altro materiale è stato trattato in modo naturale, ovvero capire qual è lo standard qualitativo generale di ogni singola componente del materasso.
  • Rivestimento: una fodera traspirante e biologica (ad esempio in cotone) è perfetta per donare al proprio corpo una sensazione di benessere e aumentare la traspirabilità delle superfici a diretto contatto con la pelle.
  • Forma del materasso: non tutti si possono adattare ai supporti dei letti, quindi è consigliato sempre valutare il tutto in base alla struttura cui son destinati.
  • Rigidità e spessore: un buon materasso deve sorreggere il peso del corpo in modo ottimale. Abbastanza rigido per darci sostegno, ma non troppo da risultare scomodo. Per quanto riguarda lo spessore tutto dipende dalle proprie esigenze, ma in generale un materasso da 14cm di certo non può essere paragonato, per comodità, ad un materasso da 24cm.

Buon riposo!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.