Come scegliere un purificatore d’aria

purificatore d'aria

Se siamo ampiamente consapevoli dell’inquinamento dell’aria esterna, d’altra parte, non sempre siamo consapevoli che l’aria che respiriamo nelle nostre case è ancora più inquinata. Sia da inquinanti provenienti dall’esterno, ma anche da sostanze presenti esclusivamente nei nostri interni.

L’aria nelle nostre case è infatti da 5 a 10 volte più inquinata di quella esterna. Per questo motivo si consiglia di aprire le finestre almeno 10-15 minuti al giorno, estate e inverno. Tanto più che trascorriamo circa l’80% del nostro tempo in luoghi chiusi, durata che è ulteriormente aumentata dall’inizio della crisi sanitaria. Per approfondire sull’importanza del ricambio dell’aria puoi consultare il sito www.ricambioaria.com

Per questo è fondamentale purificare i nostri interni. Un purificatore d’aria può quindi essere un buon investimento, e non solo per chi soffre di allergie o malattie respiratorie.

Ecco alcuni suggerimenti per scegliere il dispositivo giusto.

Come funziona un purificatore d’aria?

Il principio del purificatore d’aria è abbastanza semplice: aspira l’aria presente nell’ambiente e la rimanda in circolo purificata, cioè libera da polvere, inquinanti e odori grazie al suo passaggio attraverso vari filtri.

  • Innanzitutto, l’aria passa attraverso un prefiltro che trattiene la polvere e le particelle più grandi come capelli o peli di animali.
  • Quindi passa attraverso un filtro a carboni attivi, che trattiene odori, gas e fumi oltre ai composti organici volatili (i famosi COV, tra cui la ben nota formaldeide).
  • Infine, il filtro HEPA (High Efficiency Particulate Air) filtra le particelle più fini presenti nell’aria, invisibili ad occhio nudo. Con alcuni produttori, il filtro a carboni attivi e il filtro HEPA sono la stessa cosa.

Alcuni marchi utilizzano ancora altri metodi in aggiunta, vale a dire la fotocatalisi o la ionizzazione. Per quanto riguarda la tecnologia di ionizzazione, mira ad appesantire le particelle (producendo ioni negativi che si aggregano) in modo che non rimangano sospese nell’aria.

I consigli per scegliere il purificatore d’aria perfetto

Per essere efficace, un purificatore d’aria deve essere in grado di muovere una certa quantità d’aria, in linea con il volume della stanza. Questo è anche uno dei primi criteri di selezione. È importante scegliere un dispositivo adatto all’ambiente che si vuole trattare, altrimenti potrebbe dover funzionare costantemente a piena potenza (che in particolare genera più rumore) senza ottenere i risultati attesi.

I filtri sono di fondamentale importanza nella scelta. nel corso dell’uso, i filtri si saturano e devono essere sostituiti (tranne il prefiltro che deve essere lavato o spolverato). È quindi importante tenerlo presente quando si sceglie un purificatore d’aria. Dovresti essere in grado di trovare facilmente filtri di ricambio. Controlla anche quanti filtri dovranno essere cambiati, con quale frequenza il produttore consiglia di farlo (ogni tre mesi per alcuni e fino a un anno) e il loro prezzo.

Si noti che un certo numero di purificatori d’aria sono dotati di una spia di promemoria che indica quando sostituire i filtri, il che può essere molto pratico.

A seconda delle tue esigenze, può essere interessante acquistare un modello che svolga diverse funzioni. Alcuni purificatori d’aria fungono anche da ventilatore, riscaldamento invernale o umidificatore d’aria, una versatilità di cui Dyson ha fatto una specialità.

Depuratori di aria

I depuratori d’aria hanno generalmente diverse velocità di filtrazione, che vengono regolate in base alla qualità dell’aria in modo da non rimanere troppo a lungo a respirare aria inquinata.

L’ideale è scegliere un modello dotato di modalità automatica . Utilizza uno o più sensori per misurare la qualità dell’aria e adattarne il funzionamento automaticamente, senza che nessuno se ne preoccupi. È la soluzione migliore per respirare aria sana.

Da non trascurare è l’aspetto della connettività: ciò consente di consultare lo stato dell’aria interna, anche da remoto , ed eventualmente di attivare il dispositivo prima del rientro a casa. La connettività offre inoltre la possibilità di pianificare in modo molto semplice e fine il funzionamento del dispositivo in base al proprio stile di vita. Infine, l’applicazione può inviare promemoria e notifiche molto utili per non dimenticare di mantenere il purificatore, in particolare per cambiare i filtri.