Golfo Aranci: uno scenario suggestivo dalla natura incontaminata

Golfo Aranci

A circa 20 chilometri dalle spiagge VIP della Costa Smeralda, si trova Golfo Aranci, un piccolo centro marino perfetto per chi sta cercando un soggiorno in Sardegna rilassante e all’insegna delle meraviglie sulla costa orientale. La particolarità di Golfo Aranci è quella di saper creare un inaspettato collegamento tra il promontorio di Capo Figari e le acque del Mar Tirreno.

Un gigantesco silenzio avvolge l’intera area, rotto soltanto dal dolce suono delle onde. All’apparenza, nulla sembra muoversi tra il promontorio e le spiagge. Basterà una semplice escursione sull’altura di Capo Figari per capire che la realtà nascosta è ben diversa. Qui, a farla da padrone, sono i mufloni con le tipiche corna arrotondate che possono raggiungere i 90 centimetri di lunghezza. Grazie al fisico slanciato, i mufloni riescono a spostarsi facilmente anche su terreni impervi, caratterizzati da un accumulo di rocce.

Nelle aree boschive che circondano Golfo Aranci, trovano un perfetto riparo le testuggini marginate, una specie che si distingue per la forma allungata del carapace e per la colorazione scura. La leggenda vuole che questi animali furono portati in Sardegna da un gruppo di frati francescani, di ritorno da un viaggio in Grecia.

Completata la descrizione della fauna locale, una guida su Golfo Aranci non può fare a meno di un accenno ai molteplici punti d’interesse.

Golfo Aranci: La Spiaggia bianca

Terminata l’escursione sull’altura di Capo Figari, non c’è posto migliore della Spiaggia bianca per un momento di riposo. Probabilmente, il nome della località è associato al colore chiaro delle tantissime dune di sabbia che si muovono verso un mare cristallino dalle tonalità azzurrine. Guardando dall’alto, si scorge una forma arrotondata dell’arenile che rende la Spiaggia bianca adatta alla pratica dello snorkeling.

Nei periodi di alta stagione, la località è presa d’assalto da famiglie con bambini, data la presenza di fondali molto bassi e ricchi di vita marina.

Golfo Aranci: Cala Moresca

A pochi passi dal porto cittadino per lo sbarco del traghetto Porto Vecchio Golfo Aranci, si trova Cala Moresca. Per la precisione, si tratta di due piccole calette di sabbia dorata, divise da cespugli di macchia mediterranea sparsi qua e là. Per accedere a Cala Moresca, dovrai attraversare una fitta pineta messa a protezione delle calette.

Lo sforzo intrapreso sarà ampiamente ripagato dalla visione di uno scenario suggestivo e selvaggio.

Golfo Aranci: Cala Sabina

Un ulteriore punto d’interesse è sicuramente Cala Sabina, a nord di Golfo Aranci. Si tratta di un arenile di circa 300 metri dalla sabbia bianca e molto fine, con moltissimi spazi per la fioritura dei ginepri e della macchia mediterranea. Secondo ricostruzioni autorevoli, il nome di questa caletta deriverebbe da un errore nell’identificazione della pianta dominante. Svariati secoli fa, infatti, il ginepro fenicio dell’area venne scambiato per quello sabino.

All’interno di Cala Sabina, stretta fra due promontori a picco sul mare, le acque del Tirreno assumono una colorazione verde smeraldo che incanta i visitatori.

Golfo Aranci: le soluzioni per chi arriva dalla Corsica

Per chi vive in Corsica ed ama la costa nord orientale della Sardegna, le autorità francesi hanno messo a punto un rapido collegamento tra Porto Vecchio e Golfo Aranci per navi di ultima generazione. In condizioni metereologiche ottimali, i traghetti delle compagnie coprenti la tratta impiegano circa 3 ore e un quarto per lo sbarco nel porto di Golfo Aranci.

Settimanalmente, la traversata da Porto Vecchio a Golfo Aranci si tiene una o più volte, a seconda dell’affluenza. Nello specifico, durante la stagione primaverile, il collegamento dalla Corsica alla Sardegna ha luogo una volta a settimana, con partenza alle 10: 45 ed arrivo nel primo pomeriggio. Al contrario, per tutta l’estate, la stessa rotta mattutina si tiene ogni due giorni.

Golfo Aranci: il piacere di viaggiare a bordo di un traghetto moderno

Oltre a poter sfiorare i 33 nodi nelle giornate di mare calmo, i traghetti moderni assicurano ampia libertà di movimento a bordo, grande capienza e comfort assoluto. L’ampia libertà di movimento è consentita dalla possibilità di lasciare i bagagli in auto mentre ci si sposta da un’attrazione all’altra.

Finalmente, ti sentirai libero di gustare un piatto al ristorante, di svolgere una sessione d’allenamento e di vivere l’esperienza di una navigazione en plein air.