5 migliori lavori per i giovani

lavori per i giovani

La fase dell’orientamento porta con sé molti dubbi e perplessità per gli studenti delle scuole superiori e universitari. Quale lavoro scegliere e in quale settore? Certo, gusti e capacità sono i primi criteri per la scelta dei giovani.

Ma oggi bisogna tenere conto anche delle opportunità offerte dai diversi settori per combinare tutte le possibilità di trovare lavoro dopo la laurea. Entriamo quindi nel vivo della discussione considerando i lavori più richiesti.

Occupazione: i settori che assumono più giovani

Quasi il 70% dei giovani che entrano nel mercato del lavoro si integrano in aziende situate in sette grandi settori di attività: commercio all’ingrosso e al dettaglio, industria, sanità, assistenza sociale, alloggio e ristorazione, attività di servizi e pubblica amministrazione sono quindi le principali fonti di occupazione per i giovani principianti. Mentre i più qualificati investono in carriere tecniche o scientifiche oltre che nell’insegnamento.

Ma non mancano nuovi scenari: è il caso in primis delle professioni digitali, della comunicazione e della ricerca, che richiedono molte qualifiche. All’altra estremità dello spettro dei livelli di istruzione, addetti alla ristorazione, cassieri e manovali accolgono molti giovani che abbandonano la scuola con poca o nessuna formazione. Lavori per lo più precari, ma che a volte possono portare a carriere interessanti, a condizione che il giovane accetti di proseguire la propria formazione.

Sebbene alcune professioni richiedano una formazione specifica, un gran numero di posti di lavoro è accessibile da un’ampia varietà di settori, a condizione che si disponga del livello richiesto in termini di competenze generali. Vediamo dunque le opportunità più interessanti per i giovani.

Professioni digitali

La pandemia di covid-19 ha accelerato la trasformazione digitale delle aziende, che ora più che mai hanno bisogno di professionisti nelle nuove tecnologie. Ecco alcuni dei lavori digitali con le migliori prospettive future. Secondo una classifica pubblicata dalla prestigiosa rivista tecnologica statunitense CIO, i cinque profili attualmente richiesti sono: Artificial Intelligence Architect, Business Intelligence Analyst, Cloud Architect, Data specialist e Web developer. Ci sono però anche professioni che non richiedono necessariamente la laurea, come quelle che troviamo in un’agenzia di comunicazione, ad esempio quella di Content Creator, Social Media Manager, Copywriter e SEO specialist.

Commercio e vendita al dettaglio

Commercio, vendita e grande distribuzione danno lavoro al 15% dei giovani senza diploma. In questo settore puoi essere assunto come cassiere, dipendente self-service o commesso. Anche i giovani alla prima esperienza possono avere un’opportunità in questo settore, perché spesso sono le aziende ad occuparsi della loro formazione.

Ristorazione

Stiamo vivendo un momento storico in cui lavorare nella ristorazione è una buona occasione di business. Un quarto delle assunzioni nel settore alberghiero e della ristorazione riguarda giovani, anche senza qualifica. Le professioni più accessibili sono: aiutante di cucina, impiegato in sala e cameriere. Le esigenze sono grandi in un settore che fatica a trovare candidati. Lavorare nella ristorazione può essere un’ottima occasione professionalizzante. Attenzione a prenderla sotto gamba, perché si tratta di un impiego che richiede molto impegno.

Ingegneria e industria

Il mondo del lavoro è da sempre alla ricerca di cervelli. Quest’anno sono previste da 37.000 a 39.000 assunzioni nel settore dell’ingegneria e della ricerca e sviluppo. Il 23% delle assunzioni dovrebbe riguardare i principianti, il 34% i giovani dirigenti con un’esperienza da uno a cinque anni. Altro settore in fermento è quello dell’industria, che si sta modernizzando e digitalizzando ad alta velocità: nel 2019 conta 175.000 assunzioni, di cui un quarto di giovani laureati, ovvero oltre 41.000 assunzioni. Il solo settore dell’ingegneria assumerà da 40.000 a 50.000 candidati all’anno, di cui dal 30 al 40% saranno giovani a tutti i livelli di formazione.

Animatore socio-culturale

Lavorando in un’ampia varietà di strutture come centri ricreativi, mediateche o doposcuola, la missione dell’animatore socio-culturale è promuovere gli scambi interculturali e facilitare l’espressione e la socializzazione degli individui. Il suo target principale: bambini, adolescenti, lavoratori, ma anche anziani e persone con disabilità. Il settore offre molte opportunità ai giovani, che possono specializzarsi tramite corsi professionalizzanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.